Informativa sui Cookies



La Sardegna dei Teatri – circuito dei teatri della contemporaneità





Ecco il programma del 2012.
Inauguriamo questa nona edizione con un’ospite di eccellenza, Giuliana Musso che presenterà la sua NUOVA PRODUZIONE

Giovedì 25 Tortolì, Teatro San Francesco
Venerdì 26 Nuoro, Teatro Eliseo
Sabato 27 Serrenti, Teatro Comunale
Domenica 28 San Sperate, Teatro La Maschera

GIULIANA MUSSO
La fabbrica dei preti titolo ispirato da “La fabriche dai predis” di Don Pierantonio Bellina; di e con Giuliana Musso; con la collaborazione di Massimo Somaglino

assistenza tecnica Claudio Parrino; ricerche fotografiche Tiziana De Mario; montaggio video Gigi Zilli; scenografia Francesca Laurino
ricerche bibliografiche Francesca Del Mestre; con la collaborazione di Riccardo Tordoni

“Entriamo assieme nella grande fabbrica silenziosa. Prima, però togliamo il cappello e fermiamoci un attimo a pregare per tanta manovalanza sacrificata e rovinata in tutti questi anni e secoli. E, facendo uno sforzo, spendiamo un requie anche per le maestranze. Forse anche loro vittime di un sistema che uccideva l’uomo illudendosi di onorare quel Dio che l’aveva creato a sua immagine e somiglianza.”

La dimensione umana dei sacerdoti è un piccolo tabù della nostra società sul quale vale la pena di alzare il velo, non per alimentare morbose curiosità ma per rimettere l’essere umano e i suoi bisogni al centro o, meglio, al di sopra di ogni norma e ogni dottrina. I seminari di qualche decennio fa hanno operato per dissociare il mondo affettivo dei piccoli futuri preti dalla loro dimensione spirituale e devozionale. Molti di quei piccoli preti hanno trascorso la vita cercando coraggiosamente uno spazio in cui ciò che era stato separato e represso durante la loro formazione si potesse riunire e liberare. A questi preti innamorati della vita ci piacerebbe dare voce e ritrovare insieme a loro la nostra stessa battaglia per “tenere insieme i pezzi”.

Be the first to comment on "La Sardegna dei Teatri – circuito dei teatri della contemporaneità"

Leave a comment

Your email address will not be published.

*