Informativa sui Cookies



Svolta sul mistero del Volpe 132 L’A-109 della Finanza abbattuto nel cielo di Capo Ferrato





elicopter

Luce sul mistero del Volpe 132 . A quanto si apprende sembra che  siano stati rilevati nuovi elementi utilissimi alle indagini. Si tratta di pezzi dell’elicottero, esaminati dal Ris dei carabinieri e dal professor Firrao del Politecnico di Torino. Una pista che non avrebbe niente a che vedere con incidente fortuito ma sembra proprio che l’A-109 della Finanza sia stato abbattuto a Feraxi.

Il mistero dell’elicottero abbattuto nel cielo di Capo Ferrato, la sera del 2 marzo 1994, forse prende un altro verso. Probabilmente il maresciallo Gianfranco Deriu, 42 anni di Cuglieri, e il brigadiere Fabrizio Sedda, 27 anni di Ottana potrebbero stati uccisi. L’elicottero sarebbe stato abbattuto.

Con molta probabilità nei pezzi restituiti dal mare i tecnici del Ris potrebbero aver ritrovato tracce di esplosivo o di combustione. Quel qualcosa potrebbe dimostrare la  tesi  che l’A-109, Volpe 132, della Finanza con a bordo Deriu e Sedda potrebbe essere stato abbattuto. Quel qualcosa si troverebbe nei pochi pezzi di metallo accartocciati, recuperati nel mare davanti a Capo Ferrato, due giorni dopo la tragedia.


Prendono nuovamente senso le testimonianza oculari del giardiniere Giovanni Utzeri, del pensionato Gigi Marini, dell’ex assessore di San Vito Antonio Cuccu e del capraro Giuseppe Zuncheddu. Testimonianze che negli anni non sono mai state considerate importanti.

I tre testimoni, Utzeri, Marini, Cuccu e Zuncheddu da punti di osservazione diversi avevano raccontato di avere visto e sentito l’elicottero arrivare la sera del 2 marzo 1994 nella rada di Feraxi, dove era alla fonda una misteriosa nave portacontainer.

Be the first to comment on "Svolta sul mistero del Volpe 132 L’A-109 della Finanza abbattuto nel cielo di Capo Ferrato"

Leave a comment

Your email address will not be published.

*