Informativa sui Cookies



‘Ndrangheta in Sardegna Fermati Antonio Casu di Ozieri, Natalino e Walter Isoni di Monti





carabinieriOggi con il maxi blitzt, scattato nel torinese, alle cosche calabresi che gestiscono il Locale di Giaveno sono finiti in manette anche dei cittadini residenti in Sardegna.

Ben 21 i fermi in custodia cautelare un pò in tutte le regioni di Italia, che da Giaveno a quanto pare organizzavano un vero ipermercato della droga, soprattuto hashish, con partite di 500kg destinate al mercato sardo ma anche armi ed altro.


 A Giaveno la presenza del Locale è stato confermato da vari pentiti, tra cui il giovanissimo affiliato oggi pentito Cristian Talullo . Una locale con delle peculiarita': secondo le indagini a capo della cosca c’era un catanese, Giuseppe Mirabella, con affiliati diversi siciliani, (tra cui i noti fratelli Magnis), e solo un calabrese. Inoltre nessuno risiedeva nella zona di Giaveno e di fatto operavano ”in trasferta”. Una cosca di cui sono stati individuati una ventina componenti e che da quanto emerge dalle ‘indagini avrebbe mantenuto costanti rapporti con le ‘ndrine di Rosarno. Nel corso dell’operazione sono stati eseguite perquisizioni in Sardegna, Emilia Romagna e Valle d’Aosta e disposti sequestri preventivi di immobili per un valore di circa 1,5 milioni di Due degli arresti sono stati eseguiti in Spagna, due in provincia di Sassari e il resto tra le province di Torino e Cuneo.

In Sardegna vengono fermati Antonio Casu, 50 anni di Ozieri, domiciliato a Berchidda, Natalino Isoni 41 anni residente a Monti e suo fratello Walter Isoni di 45 anni, bloccato vicino a Torino.

 

Be the first to comment on "‘Ndrangheta in Sardegna Fermati Antonio Casu di Ozieri, Natalino e Walter Isoni di Monti"

Leave a comment

Your email address will not be published.

*