Informativa sui Cookies



Global Futur, 31 maggio Santu Lussurgiu, Bauladu, Bonarcado





IMG_1871L’Associazione Culturale Quercus ONLUS di Santu Lussurgiu è pronta per dar via ai tre appuntamenti della quinta edizione del festival Global Futur – Incontri Contemporaneitra le arti, che saranno:

Arch.In. Fusion –convegno- 31.05.2014 ore 10 a Santu Lussurgiu (OR), Centro di Cultura Popolare UNLA

Link Nuove Frontiere Musicali –concerto, djset- 01.06.2014 ore 22 a Bauladu (OR), Centro Sociale

Lunghezze d’onda, Francesco Taskayali –concerto di piano- 07.06.2014 ore 21.30 a Baradili (OR), Piazza Santa Margherita

Global Futur – Incontri contemporanei tra le arti è un festival internazionale di cultura e arte, nasce dall’iniziativa di un gruppo di giovani riuniti nell’Associazione Culturale Quercus Onlus. L’obiettivo dell’Associazione è quello di approfondire e divulgare le matrici culturali della Sardegna utilizzando diversi mezzi e dando luogo a diverse iniziative per la comparazione tra realtà territoriali e culturali, nazionali e internazionali, affinché il confronto sia non solo strumento di conoscenza reciproca, rispetto e cooperazione, ma anche rafforzamento della propria identità.

Il Festival si è occupato nelle precedenti edizioni di teatro, musica, moda, installazioni artistiche, proponendo sempre performance all’avanguardia e collegate da un unico filo conduttore. Quest’anno il tema unico di collegamento tra i tre appuntamenti, scelto dal direttore artistico, Riccardo Barracu, è la “Bellezza” esi riferisce al concetto astratto di Bellezza, che in maniera semplice stupisce e che è intrinseco nelle opere d’arte, per usare parte delle sue stesse parole: … La Bellezza è capace di riempire il cuore, sollevare lo spirito, rendere tangibile la felicità sotto molte forme, le più incredibili, inattese, insospettate…Come può dunque la bellezza delle cose sensibili accordarsi con la bellezza dell’idea, che è anteriore ad ogni corpo?..”

Gli eventi in programma non si prefiggono di dare una risposta, ma di insinuare la riflessione e di accrescere di “bei” nuovi punti di vista ed esperienza su diverse forme d’arte: l’architettura d’interni contemporanea, le nuove sonorità musicali di artisti sardi ed europei e le sinfonie al piano di un giovane e virtuoso artista italo-turco.

La manifestazione è itinerante in tre località nella provincia di Oristano, partendo da Santu Lussurgiu dove ha sede l’Associazione, riconferma la sua positiva collaborazione con Bauladu e porta per la prima volta il suo palco nel centro storico di Baradili, con le sue 87 anime è noto come il paese meno popoloso della Sardegna ed uno dei meno abitati in Italia.

La V edizione di Global Futur- Incontri Contemporanei tra le Arti, si aprirà, dunque, al centro di Cultura Popolare UNLA di Santu Lussurgiu, sabato 31 maggio alle ore 10 con il convegno Archi. In.Fusion, ideato e coordinato dall’Arch. Mara Pasquini, esperta a livello internazionale sui temi del contract e della progettazione di interni. Il dibattito di architettura e design di interni, si incentrerà sulla particolare tendenza del turista contemporaneo di scegliere la struttura ricettiva, non solo per la posizione e i servizi, ma anche per la “bellezza” della stanza, vivendo l’alloggio temporaneo come parte integrante del viaggio, della visita, alla scoperta di qualcosa di “nuovo”. I relatori argomenteranno il tema soffermandosi in particolare sulla tipicità locale dell’Albergo Diffuso.

Il secondo appuntamento, è rivolto ad un target più giovane: Link – Nuove Frontiere Musicali- vedrà il suo palco montato, per la terza edizione consecutiva, al Centro Sociale diBauladu. Domenica 1 giugno dalle ore 22 si alterneranno tre concerti di generi e generazioni diverse, per poi terminare con il djset di Kalte Sterne, modella e musicista francese, che ha scelto Berlino come città dove sperimentare nuovi accostamenti musicali. Prima di lei aprirà la kermesse AKO, giovane rapper che ha vinto la selezione indetta dall’Associazione Quercus per offrire la possibilità di esibirsi nel festival Global Futur ai musicisti emergenti sardi; Die Lust, affiancato dal partner Midori Dropout, performance dalle sonorità collegabili alla scena Synth Pop degli anni ottanta, con evidenti influenze dalla prima EBM; e poi i The Hoo, band Italo/Francese residente a Berlino, dove si sono affermati nel futuristick funk.

Il festival concluderàcon Lunghezze d’Onda ed un ospite d’eccezione, il virtuoso pianista Francesco Taskayali che suonerà sabato 7 giugno alle 21.30 nella piazzetta centrale di Santa Margherita a Baradili. Conosciuto nel suo ambito per il grande talento, nonostante la suo giovane età di 23 anni, si è già esibito in tournée internazionali. Accompagnerà la perfomance del pianista un intervento di video mapping del collettivo cagliaritano Quit Project.

Il Presidente dell’Associazione Culturale Quercus Onlus, Diego Loi e tutti i soci, sono riusciti anche quest’anno a garantire l’ingresso gratuito a tutti gli eventi in programma, nonostante il forte ridimensionamento dei finanziamenti per le attività culturali, ed a offrire tre eventi poliedrici all’interno dello stesso festival.

Questo anche grazie al ricorso ai metodi di crowd funding, mediante la campagna di raccolta fondi on line, aperta ancora qualche settimana, sulla piattaforma Kapipal (www.kapipal.com/globalfutur).

Maggiori informazioni e dettagli sul programma, potete trovarli ai seguenti canali web:

www.globalfutur.eu

www.facebook.com/pages/Global-Futur

www.kapipal.com/globalfutur

Be the first to comment on "Global Futur, 31 maggio Santu Lussurgiu, Bauladu, Bonarcado"

Leave a comment

Your email address will not be published.

*