Informativa sui Cookies



Regione Sardegna Assessorato alle politiche sociali Al via i finanziamenti centri antiviolenza





L’assessorato delle Politiche sociali ai finanziamenti della Regione Sardegna finanzia i Centri antiviolenza, le Case di accoglienza per donne vittime di violenza e i consultori familiari regionali.

In corso di erogazione 1 milione 61mila euro per le 9 strutture della Sardegna che ospitano temporaneamente le donne e i loro figli vittime di maltrattamenti in famiglia. Per quanto riguarda i consultori, l’assessorato sta liquidando finanziamenti per 678mila euro a favore dei Comuni associati degli ambiti Plus e, sempre 678.198 euro, alle Asl.

”Con queste procedure di pagamento – spiega l’assessore regionale della Sanita’, Simona De Francisci – diamo seguito a quanto prevede la legge regionale 8/2007 e al recente protocollo di intesa siglato nel novembre scorso tra tutti i soggetti coinvolti che, assieme ai Centri antiviolenza lavorano senza sosta per assistere e sostenere le nostre donne vittime di violenza e i loro figli”.

Il via libera ai fondi e’ stato avviato dopo un monitoraggio, compiuto ad aprile, effettuato per avere un quadro su risorse assegnate a ogni struttura, spese rendicontate e sul personale impiegato per la gestione e per la realizzazione delle attivita’ dei Centri. Contestualmente, e’ pronta la programmazione per il 2012 da realizzarsi nel 2013 che a breve l’assessore De Francisci proporra’ all’approvazione della Giunta regionale.

Per quanto riguarda la rete dei consultori familiari, sono in corso i finanziamenti (in totale 1.357.198 euro) che consentono la realizzazione di interventi integrati per sostenere i genitori nell’ascolto e nella consulenza educativo-relazionale familiare mediante il raccordo tra questi organismi, i Comuni associati degli Ambiti Plus e altre agenzie del territorio.

Be the first to comment on "Regione Sardegna Assessorato alle politiche sociali Al via i finanziamenti centri antiviolenza"

Leave a comment

Your email address will not be published.

*