Informativa sui Cookies

Cultura

launeddas

Le launeddas nella musica popolare sarda






Uno strumento tipico della tradizione musicale sarda sono le Launeddas. Molto diffuse soprattutto nell’area campidanese-cagliaritana è uno strumento di origini antichissime in grado di produrre armonie polifoniche. L’uso delle launeddas è attestato in un arco temporale che…

Leggi tutto >>



A nolla dazes sa candeledda  Cras a manzanu in terra nighedda.  Non ce la date la candeletta?  Domani mattina possiate trovarvi in camposanto".   Orgosolo è uno centri della Sardegna dove bene si conservano le antiche tradizione. Quella della Candelarìa è una tradizione unica nel variegato panorama del Capodanno in Sardegna La Candelarìa di Orgosolo è un vero e proprio La mattina del 31 dicembre i bambini corrono lungo le stradine del paese, decorate da coloratissimi murales e si recano di casa in casa a chiedere “sa candelarìa”, l’offerta di un pane appositamente preparato per l’occasione il “cocòne” Il "cocòne" viene preparato nei giorni immediatamente precedenti il 31, in casa, da gruppi di donne aventi rapporti di parentela e di vicinato. È un pane composto di farina di grano duro impastata con lievito madre, acqua tiepida, sale e strutto. Dopo una lunga lavorazione, l'impasto viene diviso in pezzi grosso modo sferici, della grandezza di una arancia, che vengono lasciati a lievitare; si procede quindi a spianarli col mattarello fino a ottenere una sfoglia di circa 35 cm di diametro. Dopo un'ulteriore lievitazione tra teli di lana, di lino o canapa, si procede all'infornata. La cottura della "tundìna" avviene in forno a legna caldo, con fiamma leggera. Appena sfornato, il pane,spazzolato, è ordinato a strati nelle corbule.   Ai bambini verrà regalato un quarto cioè un "cocòne” Non va inoltre dimenticato che per i bambini di Orgosolo la "candelarìa" è anche l'occasione nella quale ricevono dai parenti più stretti i doni di Natale.  La partecipazione alla questua è riservata ai bambini e alle bambine dai 4 ai 12 anni circa.La questua va avanti fino a mezzogiorno. Dopo mezzogiorno, aiutati dai genitori o dai fratelli più grandi, i bambini contano i doni La candelarìa non è comunque finita; essa avrà un suo secondo tempo di notte, ma questa volta gli attori saranno gruppi di adulti, donne e uomini, e interesserà soltanto le case degli sposi dell'anno che sta per finire.   Gli sposi dovranno prepararsi a ricevere una serie di visite a cui ofriranno "su cumbidu" l’invito con pane dolci, liquore all'uovo (su bov), cioccolati, ed altre leccornie.  A partire dalle nove fino alle due o le tre del mattino,  gruppi che nei pressi delle case degli sposi, divengono una vera e propria folla, attraversano le strade e del paese.Ciascun gruppo si ferma davanti all'uscio della casa degli sposi e leva un canto che è insieme augurale e di richiesta del pane. Anticamenta sa candelaria si faceva recandosi presso le abitazione delle famiglie aguiate, proprio come una vera e propria questua, ma i questuanti facevano in modo di non essere riconosciuti:

La Candelaria di Orgosolo, un vero rito






“A nolla dazes sa candeledda? Cras a manzanu in terra nighedda.” (Non ce la date la candeletta? Domani mattina possiate trovarvi in camposanto). Orgosolo è uno centri della Sardegna dove bene si conservano le antiche tradizione. Quella…

Leggi tutto >>