Informativa sui Cookies



Uno spiritello burlone si diverte al Lazzareto di Cagliari





In Sardegna, i fantasmi hanno da sempre popolato  leggende e  racconti.

Anche Cagliari, il capoluogo della bellissima Isola, vanta delle presenze sovrannaturali, ma il più  simpatico, è lo spirito che puntualmente si presenta al Lazzareto. Era questo, come lo stesso nome ci suggerisce, un antico ospedale dei lebbrosi, dove morivano a centinaia, giovani, vecchi, donne e bambini, malati che arrivavano da tutta la Sardegna nei secoli della peste e delle epidemie mortali.

Il fantasma comparirebbe ogni tanto lungo le scalinate o nelle sale del centro culturale di arte, ex Lazzareto, nel borgo di Sant’Elia, e non certo per passeggiare, ma per dare sfogo alla sua fantasia burlesca, senza mancare di giocare a palla con un teschio. Ebbene sì! a qualsiasi ora della notte e del giorno, l’apparizione scompone i manichini allestiti con pazienza dagli addetti alle sale, fa scomparire nel nulla le scope e i secchi pronte per la pulizia dei locali, richiama l’ascensore che è stato già prenotato. La “presenza” rivela anche la sua passione per la musica, visto che, complice il buio e il silenzio della notte, approfittando di una mostra musicale, si è insinuato nel salone, e ha dato fiato agli strumenti.

Così raccontano di lui i custodi spesso mira di questo fenomeno paranormale “Eravamo seduti all’ingresso, soli, in tutto il Lazzaretto non c’erano nessun altro e parlavamo del fantasma. Scettici e increduli, naturalmente…Abbiamo visto l’ala sinistra del Lazzaretto illuminarsi a giorno. Strano, perché non si sono accese le luci di emergenze, come per un contatto, ma le lampade grandi sul soffitto.” E ancora, a proposito del primo scaffale della seconda libreria del salone del Museo del fumetto, dove misteriosamente e troppo spesso, un giornalino di Paperino viene fuori dallo scaffale, da solo. “Come se qualcuno lo prendesse per leggerlo, e poi non lo rimettesse a posto…Ma non faccio in tempo
a girarmi, continua il responsabile, che il fumetto è di nuovo fuori posto.”

Il fantasma burlone spesso accende le luci e gioca a palla con la testa di un manichino, prova sfilate di moda e la sua ombra si staglia scura da dietro i vetri delle finestre. Chi sarà mai questo simpatico spiritello? Forse potrebbe essere quello di un bambino morto prematuramente? A guardare i manoscritti del Lazzaretto si legge infatti che, anche alla fine dell’Ottocento, nell’ospedale soggiornarono molti bimbi malati di tifo.

Be the first to comment on "Uno spiritello burlone si diverte al Lazzareto di Cagliari"

Leave a comment

Your email address will not be published.

*